Seat è un’azienda con due brand che hanno target ben distinti: da un lato il marchio Seat, l’entry level dedicato ai giovani, dall’altro Cupra, il nuovo brand che si concentra su design e performance. Nato due anni fa, si entra oggi nel vivo, con la produzione del primo modello esclusivo del marchio: Cupra Formentor. Quest’auto mi è particolarmente cara almeno per due motivi: il primo è per il nome che porta. Vi ho parlato di Cap de Formentor tempo fa, appena sono tornata da Maiorca perché la strada che si snoda fino ad arrivare ad un faro spettacolare è davvero suggestiva e vi consiglio vivamente di percorrerla, almeno una volta nella vita!

Tre donne dietro il progetto della Cupra Formentor

Il secondo motivo che mi avvicina molto alla Cupra Formentor è il fatto che ci sono almeno tre donne dietro le quinte di questo progetto e secondo me non è un caso. Wayne Griffiths, prossimo Presidente di Seat e Ceo di Cupra, in occasione della presentazione digitale “Cupra Formentor Start of Production”, che si è svolta al Cupra Garage, è stato molto chiaro in proposito: “People make the brand”.

Tra queste, tre donne hanno partecipato alla presentazione: Alicia Molina, Head of bodywork process in collegamento direttamente dallo stabilimento di Martorell; Marta Almuni, Cupra Technical Director, direttamente dal circuito per illustrare l’auto “sul campo” e Francesca Sangalli, Head of color and trim and concept and strategy Seat and Cupra, un’italiana che ha raccontato come il progetto sia durato più di tre anni e abbia spaziato attraverso più di 800 differenti alternative.

Interessante che tutti i colori siano basati sulla natura e sui suoi elementi, come i minerali, le pietre, la terra. E’ per questo che Cupra predilige le colorazioni opache, che danno quella sensazione di essere “vivi”. E, a proposito di colori, la Cupra Formentor sarà disponibile in 9 tonalità e debutta nell’esclusivo colore Petrol Blue opaco.

Missione non impossibile: raddoppiare le vendite

Si tratta della prima auto sviluppata al 100% come Cupra, rappresenta il Dna e l’essenza di questo nuovo brand. E’ il sesto modello prodotto a Martorell e rappresenterà un volume aggiuntivo di produzione per lo stabilimento di oltre il 10%.

La produzione vede il coinvolgimento di 3.000 collaboratori della linea 2 dello stabilimento, divisi in tre turni di lavoro e, inizialmente, saranno prodotte 160 unità al giorno. Un modello la cui missione è quello di raggiungere nuovi clienti, di rendere il brand visibile, di rafforzare l’identità, sia in Europa che all’estero, in mercati che vanno dalla Norvegia (dove l’elettrificazione è già presente) all’America Latina, alla Turchia e Israele.

Obiettivi ambiziosi, confermati dalle parole di Wayne Griffiths che ha dichiarato di voler raddoppiare le vendite e la Cupra Formentor è molto importante per ottenere questo risultato.

Del resto non sembra una missione impossibile se si pensa che, nel periodo del Covid, Seat è stato il marchio con la crescita maggiore in Europa. Adesso a Martorell sembra quasi tutto tornato alla normalità e, nel mese di settembre, le vendite sono tornate allo stesso livello dell’anno scorso, quando ci fu un record di vendite.

Griffiths si aspetta che più della metà delle Cupra vendute l’anno prossimo saranno delle Formentor, in attesa della Cupra El Born, primo modello 100% elettrico che arriverà sul mercato il prossimo anno.

Sette motorizzazioni disponibili, anche elettrificate

Cupra Formentor arriverà sul mercato la prossima settimana nella versione da 310 cv e si affiancherà a modelli come Cupra Ateca e Cupra Leon, le cui nuove versioni arriveranno sul mercato sempre nell’ultimo trimestre dell’anno. Sarà disponibile con 7 propulsori e, all’inizio del prossimo anno, arriverà anche l’ibrida plug-in, dopo che la Cupra Leon avrà inaugurato questa motorizzazione.

Chi l’ha già guidata assicura che la Cupra Formentor ha un handling pazzesco e delle performance da sportcar. Così la descrive Jordi Gené: “sportiva come una sport car e robusta come un Suv”. Non è un caso che come brand ambassador sia stato scelto un grande sportivo: Marc ter Stegen (calciatore tedesco, portiere del Barcellona e della nazionale tedesca) che arriva al Cupra Garage proprio con uno dei primi esemplari su strada della Formentor.

Già ordinabile, la Cupra Formentor ha un prezzo di partenza in Italia di 46.250 euro o 469 euro al mese, grazie alla formula di noleggio a lungo termine pensata per i clienti con partita Iva.

Il futuro di Cupra

Che la Cupra Formentor sia nata sotto una buona stella anche in Italia sembra evidente già dai primi risultati: in meno di due settimane, le unità della Launch Edition messe a disposizione online per il pre-booking sono già sold out.

Le prime arriveranno su strada in autunno ma già si pensa al futuro. Griffiths non nega che il sogno futuro di Cupra sia la Tavascan, la concept presentata l’anno scorso al salone di Francoforte, ma non si è sbilanciato nel fornire le tempistiche di arrivo di questo nuovo modello. Quello invece che è la futura certezza è l’elettrificazione, obiettivo di medio-lungo termine che metterà l’azienda nelle condizioni di prepararsi al futuro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca-Psa, Maserati è pronta a superare la linea d’ombra

next
Articolo Successivo

Volvo emette il suo primo green bond: un piano di grande portata contro le emissioni nocive

next