Il parroco di Spianate, frazione del Comune di Altopascio in provincia di Lucca, è risultato positivo al Covid-19. E sabato e domenica della settimana scorsa, come spiega la sindaca Sara D’Ambrosio, Don Michele “ha fatto le cresime dal primo pomeriggio”. D’Ambrosio ha quindi precisato di essere “al telefono con l’Asl per risalire a tutta la catena dei contatti e domani (oggi, ndr) l’Asl chiamerà ogni famiglia che è stata interessata dalle cresime“. A dare la notizia della sua positività è stata l’Asl Toscana nord ovest: il sacerdote aveva eseguito un tampone sul territorio di un’altra Asl e adesso la struttura di igiene e sanità pubblica di Lucca sta gestendo la situazione insieme al sindaco di Altopascio. Grazie all’indagine epidemiologica in corso si stanno individuando i contatti stretti da sottoporre a quarantena, inclusi i partecipanti alle cerimonie dello scorso fine settimana.

A risultare positivo poi è anche il vescovo di Pescia (Pistoia) Roberto Filippini, che lo ha comunicato ai fedeli con un messaggio pubblicato sulla pagina Facebook della diocesi. Il vescovo dice di aver incontrato, durante gli impegni pastorali, alcune persone che sono poi risultate positive. “Quando mi è stato detto – scrive Filippini – ho deciso immediatamente di sottopormi al test del tampone con risposta rapida e sono risultato positivo anch’io. Mi sono messo in quarantena, nella mia camera in vescovato, in attesa del tampone di conferma dell’Asl. Sono praticamente asintomatico, un po’ raffreddato, ma senza febbre“. Nel messaggio, il vescovo si dice “preoccupato per le persone che vivono a stretto contatto” con lui e “infinitamente dispiaciuto per i disagi che subirà la diocesi, dovendo annullare molti programmi che erano stati messi in cantiere”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

A marzo ha donato un rene al nipote, ora corre la mezza maratona: “Le donazioni di organi da viventi devono aumentare”

next
Articolo Successivo

Esplode il televisore, è da sola in casa: anziana muore soffocata dal fumo nel Bresciano

next