Un sacerdote in un game televisivo? E’ don Andrea Rabassini a “Caduta Libera”. Il simpatico don ha fatto la sua prima apparizione il 7 settembre. Solo l’11, però, è riuscito a diventare campione del quiz di Canale 5. Da quel momento non se n’è più andato, riuscendo a vincere 25mila euro. “È bello vedere qui don Andrea. In quanto telespettatore, in quanto essere umano, in quanto abitante dell’Italia ha tutto il diritto di partecipare a Caduta Libera”, aveva detto Gerry Scotti nell’accogliere don Andrea, anche per scongiurare eventuali polemiche sulla partecipazione di un sacerdote a un quiz.

Un passato nella finanza e un presente nella parrocchia di Rho (Milano), i dubbi su don Andrea Rabassini sono stati spazzati via quando il diretto interessato ha spiegato il motivo che l’ha spinto a candidarsi a “Caduta Libera”. Non c’è una smania di protagonismo nella sua partecipazione, tutt’altro: don Andrea vuole sostenere e far conoscere l’Associazione Aiuti Terzo Mondo Onlus, fondata dagli italiani Oscar e Laura in Bolivia ,nel 2002. “Questa famiglia gestisce un centro di accoglienza per mamme e bambini. All’inizio erano donne migranti, adesso accogliamo mamme molto spesso adolescenti che vengono tolte dalle famiglie per questioni di violenze familiari. Se dovessi vincere qualcosa, porterei tutto a loro”, ha confidato il don. Puntata dopo puntata, il campione è riuscito a battere tutti gli avversari entrando nel cuore dei telespettatori.

E la partecipazione di un prete a un quiz televisivo non è una novità. Già negli anni Settanta un don, Gianfranco Rolfi, riuscì a diventare un campione di “Rischiatutto”: rimase in carica per otto settimane, riuscendo ad accaparrarsi 16 milioni di lire (oggi è il parroco di San Felice in piazza a Firenze). Altro don, altro quiz di Mike Bongiorno: nel 1981 don Licio Boldrin vinse quasi 48 milioni di lire a “Flash”. Con la cifra vinta riuscì a sistemare la sua parrocchia a Frassinelle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Premi Nobel 2021, il “giallo” di Vladimir Putin candidato a quello per la Pace. Il Cremlino: “Non siamo stati noi. Se vince fantastico, sennò nessun problema”

next
Articolo Successivo

“La cosa grave che sta succedendo al Grande Fratello si sapeva”, “Coinvolge politici e uomini potenti”: parlano Pamela Perriciolo e Lorenzo Crespi

next