Un cervello avvolto nella carta stagnola in un spiaggietta del lago. È quello che si è ritrovato tra i piedi James Senda, un 49enne scultore di Racine nel Wisconsin, mentre passeggiava nel campus del Gateway Technical College. L’uomo stava cercando pezzi di vetro per poi usarli come materiali per le sue sculture quando all’improvviso ha scoperto un pacchetto di alluminio. Una volta aperto ecco la macabra sorpresa: un cervello.

“Non so davvero come spiegarmi l’accaduto. Mi sono imbattuto in questo pacchetto quadrato, avvolto in un foglio di alluminio, e c’era un elastico rosa attorno. Mi son detto: ma cos’è questa roba? La curiosità ha avuto la meglio. Così l’ho aperto. Sembrava un petto di pollo o qualcosa del genere. Ci è voluto un po’ per rendermi conto che era un cervello”. Secondo quanto riportato dai giornali locali, però, il medico legale della contea di Racine ha esaminato il cervello ritrovato sentenziando che non è un cervello umano.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla lanciata a 150 km all’ora in autostrada con il pilota automatico, dentro dormono tutti. Polstrada allibita: “Mai visto nulla di simile”

next