Sesso in attesa che finisca il lockdown. S’intitola Lips Together – Six feet apart ed è probabilmente il primo film porno a prendere di petto il periodo delle misure antiCovid. Lo ha prodotto la CockyBoys, team newyorchese di porno gay online. Un’etichetta che mescola spesso suggestioni erotiche d’autore a approcci stilistici perfino sperimentali. Dietro la macchina da presa di Lips Together troviamo tra l’altro proprio i due fondatori di CockyBoys, Jake Jaxson e RJ Sebastian, che sono anche marito e marito nella vita. La trama è nient’affatto scontata. La pandemia imperversa negli Stati Uniti e Sean, con mascherina, è rimasto rinchiuso nel suo cottage in collina, isolato tra gli alberi, dove trascorrerà la sua quarantena. Prima del lockdown Sean aveva conosciuto Angel e quest’ultimo, rispettando le restrizioni antiCoronavirus, mantiene le distanze dall’amato piazzandosi dentro il suo pickup davanti al cottage. Per i 14 giorni di quarantena previsti Angel, sempre con mascherina, porterà all’amato fiori, regali, sguardi, senza mai sfiorarlo, fino a quando scaduta la quarantena la passione inonderà lo loro vita. Secondo il regista questo film di sessanta minuti rappresenta un po’ la sua resistenza mentale all’isolamento imposto dalla pandemia. L’attore Sean Ford è il possibile infettato che rimane rinchiuso nel cottage. Angel Rivera è invece il bellimbusto che lo attende oltre la finestra nella sua jeep. Rivera, tra l’altro, è un attore porno molto celebre che nel suo seguitissimo profilo Twitter – oltre 165mila follower – ha l’immagine disegnata di un enorme ginocchio infilzato nella bocca di Trump, a sua volta disteso esanime a terra sulla bandiera degli Stati Uniti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Meglio fare sesso all’aperto per ridurre i rischi di contagio da Covid”: le raccomandazioni “fuorilegge” dell’Assessorato alla Salute

next
Articolo Successivo

Ottobre è il mese del benessere psicologico: per ottenerlo, consideriamo anche la sessualità

next