No alla sospensiva d’urgenza, richiesta dai ministri Azzolina e Speranza, della delibera con cui il governatore Alberto Cirio impone alle scuole piemontesi di verificare la temperatura degli studenti all’inizio delle lezioni. Il Tar non ha ravvisato alcuna violazione nel provvedimento preso dal presidente piemontese con gli istituti che, quindi, continueranno a fare le misurazioni agli studenti almeno fino al 14 ottobre, quando la causa sarà discussa in Camera di Consiglio.

La decisione del Tribunale amministrativo, da quanto si apprende, si basa sul fatto che l’ordinanza regionale non sovverte quanto stabilito dallo Stato, ma lo integra. Per i giudici il rischio sanitario è comunque tale da giustificare provvedimenti straordinari.

Soddisfatto della decisione il governatore Cirio: “Sono dispiaciuto che la scelta del Governo sia stata quella di entrare in netto contrasto con il Piemonte, invece di considerarlo un esempio”, ha detto definendo il suo un provvedimento che “punta a garantire più sicurezza per i propri cittadini, introducendo un livello di controllo in più per tutelare la salute di bambini e ragazzi, del personale scolastico e dei nonni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hackerati i profili Whatsapp e Instagram di Luca Zaia. Il governatore veneto: “Non riesco a ricevere i messaggi”

next