Si chiama Smart Control Room ed è una grande cabina di regia da cui è possibile per controllare in tempo reale il traffico e flussi di persone nella città di Venezia: “Ci siamo dotati di strumenti di intelligenza artificiale e altre piattaforme che ci consentono di avere una sorta di conferenza di servizi permanente”. spiega Paolo Bettio, amministratore unico di Venis s.p.a. Nella Smart Control Room, infatti, convergono tutti i dati metropolitani, come mobilità su ruote, via mare, sicurezza. “Possiamo tenere sotto controllo dati essenziali come i flussi turistici e pendolari, previsioni meteo, lo stato del centro maree, gli orari dei mezzi pubblici e i ponti, dove si concentra la congestione”, aggiunge Luca Battistella, consigliere delegato a innovazione e smart city. Smart Control Room è un progetto portato a termine grazie a fondi europei che Venezia ha utilizzato per intero per quanto riguarda il digitale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, l’ex mercato “dell’usato rubato” diventa legale: “Ogni venditore dovrà dichiarare la provenienza della merce”

next