Economia

Wto, siluro contro Trump: illegali i dazi contro la Cina decisi nel 2018

Economia

Wto, siluro contro Trump: illegali i dazi contro la Cina decisi nel 2018

Wto, siluro contro Trump: illegali i dazi contro la Cina decisi nel 2018

I dazi di Donald Trump sui prodotti cinesi imposti nel 2018 violano le regole internazionali. E’ quanto ha sentenziato oggi l’Organizzazione mondiale del commercio (Wto). Si tratta di tariffe che colpiscono beni made in China per 200 miliardi di dollari. La sentenza, in teoria, consentirebbe alla Cina di varare contro-dazi su miliardi di merci statunitensi. Washington può comunque porre il proprio veto sulla decisione del Wto presentando un appello nei prossimi 60 giorni. Probabile che questo avvenga visto che Trump non è nuovo ad accese schermaglie con il Wto. Paradossalmente la corte d’appello attualmente non è operativa, principalmente per il rifiuto di Washington ad accettare nuovi membri all’interno della stessa organizzazione.

I rilievi dell’Organizzazione riguardano l’impiego di una legge statunitense sul commercio del 1974 ma che non era più stata utilizzata dagli anni novanta poiché le amministrazioni americani avevano sposato le pratiche Wto. La Casa Bianca ha riesumato la norma per giustificare la decisione unilaterale di imporre dazi contro Pechino. In base a questa norma il presidente Usa può imporre tariffe e restrizioni contro qualsiasi paese che svolga pratiche commerciali che danneggiano i prodotti statunitensi. La Casa Bianca ha affermato che questo avviene per quanto riguarda i diritti di proprietà intellettuale e competenze tecnologiche. Secondo il Wto, tuttavia, queste accuse non sono mai state dimostrate.

Per contro la Cina contestava queste misure anche in sede del Wto, rilevando come per non infrangere le regole le tariffe avrebbero dovuto essere applicate a tutti i paesi membri. Inoltre, secondo le regole internazionali, le sanzioni dovrebbero essere precedute da un ricorso alla stessa Organizzazione del commercio perché si pronunci sulla questione. Passaggio che è stato ignorato da Washington. La decisione odierna spunta le armi di Trump contro l’Europa. Il presidente statunitense ha infatti minacciato di ricorrere alla medesima legge per imporre sanzioni contro prodotti europei come ritorsione per l’applicazione della digital tax a imprese statunitensi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fca brinda al nuovo accordo con Psa. Titolo in rialzo di oltre il 10% nonostante il taglio al dividendo

next
Articolo Successivo

Acciaierie Piombino, lo Stato entra nel capitale di Jsw Steel Italy con 30 milioni di Invitalia

next

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

meteo