Cesare Battisti sconterà la sua condanna all’ergastolo nel carcere calabrese di Rossano, nel circuito di alta sicurezza 2 destinato ai detenuti condannati per fatti legati al terrorismo. Il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), con parere favorevole della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, ha infatti respinto la richiesta dei legali dell’ex terrorista dei Pac, oggi nel carcere di Oristano, di ottenere un regime detentivo più mitigato da scontare a Roma o Milano, dopo le proteste di Battisti arrivato a intraprendere lo sciopero della fame contro le proprie condizioni di detenzione.

Battisti ha comunque concluso la condanna a sei mesi di reclusione in isolamento diurno inflittagli insieme all’ergastolo e ora può accedere a un regime detentivo meno rigido, con gli spazi di socialità previsti dall’ordinamento penitenziario per il circuito di alta sicurezza dove sono reclusi coloro accusati per i crimini degli anni di piombo. Quando sarà disponibile un posto nel carcere di Rossano, Battisti sarà trasferito e passerà lì 15 giorni in isolamento sanitario per il Covid.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, spunta una fiduciaria panamense in Svizzera. Rogatoria dei pm per seguire il flusso dei soldi

next
Articolo Successivo

Saronno, omicidi in corsia: annullata dalla Cassazione la sentenza all’infermiera Laura Taroni

next