Paura di morire? Un po’ sì. Non sono un ipocondriaco, è che si tratta di una malattia ancora misteriosa e letale. Mi turbava parecchio la raccomandazione di stare attentissimo ai problemi respiratori: se li avessi avuti, allora il virus stava vincendo… Per fortuna qui brutti sintomi non sono mai arrivati”. A confessarlo è Giacomo Poretti del trio comico “Aldo, Giovanni e Giacomo” che, in un’intervista al settimanale Oggi, ha ricordato quei terribili momenti vissuti nei mesi scorsi, quando gli arrivò la diagnosi di positività al Covid-19. “L’ansia più grande era per mio figlio, tredicenne. Anche mia moglie ha preso il virus. Avevamo il terrore di aggravarci e finire in ospedale. Cosa ne sarebbe stato di Emanuele?”, ha confidato.

Il settimanale l’ha intervistato a Bergamo dove il comico del trio con Aldo e Giovanni è tornato in scena con il monologo “Chiedimi se sono di turno” dove ripercorre anche i suoi 11 anni di lavoro come infermiere: “La mia missione era diventare calciatore e vincere la Coppa dei Campioni. Poi, si sa, nella vita ci sono i compromessi. Anche perché c’erano una cinquantina di mestieri che non ho potuto intraprendere a causa della mia statura“, ha scherzato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“O si copre, o lei non entra”: visitatrice fermata all’ingresso del Museo d’Orsay a Parigi per la sua scollatura vietata

next
Articolo Successivo

Gallagher, il trapper ruba un furgone della Bartolini e poi pubblica il video su YouTube: denunciato

next