Un video che mostra un suicidio in diretta. Una aberrazione che non dovrebbe capitare per alcun motivo e che invece è accaduta su Tik Tok. La piattaforma di proprietà della cinese Bytedance non è riuscita a bloccare la diffusione del video in cui Ronnie McNutt, un 33enne ex veterano dell’esercito, si toglie la vita. Una scena violenta e agghiacciante: l’uomo si è sparato lo scorso 31 agosto. Mentre su Facebook il video è stato eliminato praticamente pochi istanti dopo la diffusione questo non è accaduto su Tik Tok e anzi, il filmato in una settimana è diventato virale. Il video è ancora lì, e molti utenti lo ripostano. “I nostri sistemi hanno individuato ed eliminato automaticamente queste clip, che violano le nostre politiche contro i contenuti che mostrano, incitano e glorificano il suicidio. Stiamo eliminando gli account che provano ripetutamente a caricare il video“, si legge in una nota diffusa dalla Bytedance. Il video però continua a circolare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sposa ubriaca crea il caos: amiche picchiate davanti agli invitati, arriva la polizia

next