“Il sabato sera c’è sempre una rissa” spiega una ragazza di Colleferro venuta a portare i fiori sul luogo dell’omicidio di Willy. “C’è bisogno di più controllo” dice un altro ragazzo. Si conoscevano a Colleferro gli aggressori, erano famosi per le risse e per le arti marziali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Colleferro, l’allenatore degli aggressori: “La mia MMA non insegna la violenza. Sono addolorato, andrò ai funerali di Willy”

next
Articolo Successivo

“I resti carbonizzati nell’auto non sono di un cane, ma umani”: svolta nelle indagini della donna scomparsa a Crema

next