Per la prima volta dopo l’esplosione che ha colpito oltre un mese fa la città di Beirut, il premier Giuseppe Conte è andato in Libano per un bilaterale con il presidente libanese Michel Aoun. “Questo è il momento di rimboccarsi le maniche e guardare avanti nonostante la tragedia e la sofferenza, perciò bisogna ricostruire la fiducia di cittadini tra di loro e nelle istituzioni per scrivere una nuova pagina di coesione nazionale”, ha sottolineato il presidente del Consiglio al termine dell’incontro, sottolineando la vicinanza dell’Italia al Libano, dimostrata fin da subito con gli aiuti inviati nella fase dell’emergenza. “L’Italia ha profondo rispetto della sovranità libanese, rimarrà al suo fianco auspicando che si possa formare al più presto un governo che si occupi della ricostruzione e che avvi al più presto le riforme per disegnare insieme il Libano di domani“, ha aggiunto il premier, sottolineando di aver espresso questa posizione anche durante l’incontro. “Il Libano ha diritto a un futuro di pace e prosperità”, ha concluso il premier.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, ora l’ultima sfida: ecco il mio emendamento per la doppia preferenza di genere

next
Articolo Successivo

Referendum, Di Maio: “Il Sì del Pd rafforza l’alleanza. Terremo fede ai patti”. Legge elettorale, centrodestra fa slittare primo voto

next