La sentenza della Corte di giustizia europea che potrebbe invalidare alcune votazioni delle passate assemblee di Mediaset non sembra impensierire il Biscione. La cui prima reazione non riguarda la possibilità per Vivendi di far valere la sua intera quota che sfiora il 29%. Ma si concentra su tutt’altro aspetto: il pronunciamento dei giudici europei contro la legge Gasparri consente alla società controllata dalla holding Fininvest della famiglia Berlusconi di entrare in forze nel business delle tlc. Mediaset “valuterà con il massimo interesse ogni nuova opportunità in materia già a partire dai recenti sviluppi di sistema sulla Rete unica nazionale in fibra“.

Tradotto: i Berlusconi sono interessati a entrare in Tim, protagonista della partita che dovrebbe portare alla rete unica con una partecipazione importante di Cassa depositi e prestiti, controllata dal ministero dell’Economia. Una mossa con risvolti politici delicatissimi: nelle scorse settimane non sono mancati rumor stando ai quali un eventuale via libera all’ingresso nel capitale dell’ex monopolista delle tlc sarebbe il presupposto perché Forza Italia dia il proprio appoggio alla maggioranza che sostiene il governo Conte.

“Se, al contrario di quanto prevede oggi la legge italiana, si aprissero possibilità di convergenza tra i leader delle Tlc e dell’editoria televisiva”, si legge nella nota, “Mediaset che in tutti questi anni è stata vincolata e penalizzata dal divieto valuterà con il massimo interesse ogni nuova opportunità in materia di business Tlc”. A proposito dell’odierna sentenza della Corte di Giustizia europea, Mediaset aggiunge che “si tratta di rilievi che dovranno essere esaminati nelle successive fasi di giudizio davanti al Giudice nazionale competente e su cui si confida che l’Autorità garante per le Comunicazioni possa fornire ogni opportuno chiarimento. In più, l’Autorità dovrà valutare i rischi per il pluralismo, valore fondamentale per lo stesso diritto dell’Unione Europea, derivanti dalla possibilità illimitata per le imprese dominanti nelle Telecomunicazioni di rafforzare la propria posizione nel settore media”, conclude il comunicato del Biscione. Il consiglio dell’Agcom, appena rinnovato, sono entrati – accanto al deputato Pd Antonello Giacomelli e alla sociologa Elisa Giomi in quota M5s Enrico Mandelli, apprezzato dalla Lega e gradito a Berlusconi, e in quota Forza Italia Laura Aria, dirigente del ministero dello Sviluppo economico specializzata nel settore televisivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, ok di Atlantia alla scissione di una quota fino all’88%. In alternativa resta l’ipotesi di vendita all’asta. Si tratta con Cdp sul prezzo

next
Articolo Successivo

Istruttorie dell’Antitrust su Google, Apple e Dropbox per i servizi cloud: “Agli utenti informazioni inadeguate sull’uso dei dati”

next