“Il mio ultimo film, permettete la presunzione, credo mi sia venuto molto bene. Quando ho fatto vedere il film c’è stata una critica che mi ha criticato il fatto che in primo piano c’era il fondoschiena di mia figlia che aveva degli slip e cercava un orecchino che le era caduto, io parlo e lei mi risponde dandomi il fondoschiena e la critica mi ha fatto un articolo contro dicendo che era disgustoso”. Parole di Carlo Verdone che è intervenuto sul palco del Piccolo cinema America. L’attore e regista si riferisca a Si vive una volta sola, la sua nuova pellicola che non è ancora uscita nelle sale causa covid-19. Presentato alla stampa mesi fa, il regista ha parlato del film con Anna Foglietta, Rocco Papaleo e Max Tortora: “Sembrava una critica del 1932, ma che cavolo è? – ha continuato – Non si può stare con le mutande così? Ci stiamo rendendo conto di quello che vediamo anche nelle serie televisive, dobbiamo fare polemica anche per questo? A quel punto mi sono cascate le braccia e ho detto che se continuiamo così, con questo politicamente corretto portato all’esasperazione, avremo grossi problemi in sede di sceneggiatura, faremo meno ridere”. Secondo Verdone è “un errore micidiale, perché a forza di seguire il politicamente corretto, uno si sente sempre incatenato in qualche modo… Anche tanti miei colleghi iniziano ad averne un po’ le palle piene di questo politicamente corretto, perché sta diventando un po’ una patologia. Basta per cortesia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Andrea Melchiorre, l’influencer che ha messo sul suo profilo una “sezione covid-19”

next