La polizia di Berlino ha sciolto il corteo contro le misure restrittive imposte per il Covid-19 a causa del mancato rispetto del distanziamento sociale. I manifestanti non hanno rispettato le norme nonostante “le nostre continue richieste” e nonostante ci fosse la possibilità di rimanere distanziati, si legge in un tweet della polizia. Il governo regionale di Berlino aveva cercato di vietare la protesta, citando le manifestazioni che si sono tenute all’inizio del mese in cui non sono state rispettate le regole del distanziamento sociale. Gli organizzatori del corteo però avevano fatto appello contro la decisione, e ottenuto poi il via libera dal tribunale. I giudici però avevano chiesto però di garantire il rispetto del distanziamento sociale

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In Turchia negazione sistematica dei principi dello stato di diritto”. La denuncia del Consiglio d’Europa dopo la morte di Timtik

next
Articolo Successivo

Bielorussia, l’offensiva di Lukashenko contro i media: arrestati 3 operatori della tv tedesca Ard, ritirati accrediti a 17 giornalisti stranieri

next