“Le ricerche autonome non sono ostacolate dalla Procura, possono aiutare purché non ostacolino le attività delle autorità. Adesso comunque abbiamo aggiunto un tassello ulteriore con le nuove testimonianze, dobbiamo capire cosa è successo al bambino dopo l’incidente, capire se qualcuno ha visto qualcosa. L’ipotesi dell’aggressione da parte di animali è una pista che si sta seguendo”. Queste le parole di Pietro Venuti, uno dei legali della famiglia Mondello.

“Non c’è nessun mistero rispetto al viaggio di Viviana, non voleva scappare. Voleva dare un contributo alla salvezza di sé e della famiglia dal Covid, probabilmente si è affidata alla fede. Il suo era un tentativo di proteggere bambino e famiglia”, aggiunge l’altro legale Claudio Mondello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caronia, il procuratore Cavallo: “Dobbiamo continuare a cercare Gioele”. Dieci squadre dell’esercito si uniscono alle ricerche

next
Articolo Successivo

“Viviana Parisi è fuggita in un’altra direzione”: l’indicazione del testimone sposta le ricerche del piccolo Gioele sulla collina

next