Una ragazza di 15 anni è morta dopo essersi sottoposta ad un intervento di routine per mettere l’apparecchio ai denti. Denisa Alexandra Stefanoaia, conosciuta come Alex, è deceduta al Great Ormond Street Hospital (GOSH) di Londra a causa di alcune complicazioni subentrate durante l’operazione di odontoiatria. A raccontare quanto accaduto sono i tabloid britannici: la giovane era obera e soffriva di apnee notturne, fattori che hanno complicato la situazione.

Il medico che l’aveva in cura aveva detto alla famiglia che si sarebbe trattato di un’operazione semplice che l’avrebbe aiutata ad avere una masticazione migliore. Un intervento di circa 20 minuti che si sarebbe però dovuto svolgere in anestesia totale. In sala operatoria però, la 15enne ha iniziato a stare male ed è diventata blu, poi ha iniziato a perdere molto sangue dalla bocca e la situazione è precipitata fino al ricovero in terapia intensiva dove poi è morta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donna uccisa a colpi di pistola in diretta web mentre la figlia di 10 anni fa lezione su Zoom

next
Articolo Successivo

Surfista attaccato da uno squalo bianco gli infila la tavola in bocca: “Non dovrei essere vivo”

next