In Giappone è vietato urlare sulle montagne russe. Il motivo? Il droplet potrebbe diffondersi nell’aria, e, con esso, anche il coronavirus. Ma per ovviare al problema un parco divertimenti, quello di Greenland nella prefettura di Kumamoto, ha deciso di “distribuire” urla finte, cioè mascherine a cui si può applicare un adesivo con l’immagine di una bocca che grida. L’effetto è esilarante.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mio figlio si è ucciso per mancanza di sesso”: suocera fa arrestare la nuora

next
Articolo Successivo

“Tracce di coronavirus nelle ali di pollo surgelate”: allarme in Cina. Ma l’Oms: “Nessuna prova che il cibo si possa contaminare”

next