Un soggiorno in riva al lago di Como, nella villa di George e Amal Clooney, per rilassarsi dopo il matrimonio reale tra pomeriggi in piscina e giri in moto: la vacanza italiana di Harry e Meghan è uno degli episodi raccontati nella biografia Finding Freedom, appena uscita in libreria.

Una vacanza sul lago non è certo tra gli aneddoti scandalosi che promettevano gli autori: nella villa italiana del divo di Hollywood e della moglie, avvocatessa specializzata in diritti umani, gli ospiti reali sono quasi la regola. Anche la principessa Eugenia di York (sorella di Beatrice e figlia di Sarah Ferguson) e Jack Brooksbank hanno soggiornato lì.

Le due coppie – gli ex reali inglesi e i quasi-reali di Hollywood – sono molto unite: George e Amal erano presenti anche alle loro nozze. La vacanza in stile ‘Dolce vita’ della coppia risale al 2018 ed è stata interamente organizzata da George Clooney: Harry e Meghan sono arrivati il 16 agosto con il loro jet privato (in barba ai buoni propositi ecologisti della coppia) atterrando all’aeroporto di Milano. Da lì, hanno raggiunto in macchina Villa Oleandra, la residenza dei Clooney’s. La visita in totale è durata tre giorni.

“Meghan e Amal hanno passato molto tempo in piscina, chiacchierando e giocando con i gemelli – si legge nel libro – mentre Harry era molto interessato alla collezione di motociclette di George. Ne ha anche guidata una, sempre con un uomo della sicurezza al seguito. George non ha potuto fargli compagnia per via di un recente incidente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indossa un tanga come mascherina: arrestato John McAfee, il fondatore dell’antivirus

next
Articolo Successivo

“Ecco uno degli effetti del Covid”: l’attrice Alyssa Milano mostra in diretta la sua perdita di capelli

next