Sono più di 70mila le persone che hanno deciso di firmare la petizione lanciata da Il Fatto Quotidiano per chiedere all’Inps di rendere noti i nomi dei 5 deputati che hanno chiesto il bonus da 600-1000 euro per le partite Iva in difficoltà durante il lockdown, pur guadagnando oltre 12mila euro netti al mese. Il Fatto Quotidiano ha inviato una lettera al presidente dell’Istituto di previdenza, Pasquale Tridico: “È diritto di chi scrive – scrive il direttore Marco Travaglio – divulgare le generalità di politici che hanno ritenuto di formulare la richiesta ed è diritto di ogni cittadino conoscerle, al fine di potersi meglio determinare quando esprimerà il proprio voto”.

FUORI I NOMI – CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE

Già in passato l’Autorità garante per la protezione dei dati personali aveva stabilito che i dati anagrafici dei soggetti beneficiari del bonus “possono essere chiesti e ottenuti da chi abbia un interesse legittimo ad accedere ad essi”. Interesse che nel caso dei 5 deputati – e di oltre 2mila tra politici regionali e locali – si manifesta “nell’esercizio del diritto di cronaca” per poter “informare compiutamente i lettori”.

Anche il Garante per la protezione dei dati personali è intervenuto ufficialmente sul caso dei deputati e consiglieri regionali che hanno ottenuto il bonus 600 euro per le partite Iva spiegando che “la privacy non è d’ostacolo alla pubblicità dei dati relativi ai beneficiari del contributo laddove, come in questo caso, da ciò non possa evincersi, in particolare, una condizione di disagio economico-sociale dell’interessato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Garante: “La privacy non ostacola la pubblicazione dei nomi di chi ha funzioni pubbliche e ha preso il bonus 600 euro”

next
Articolo Successivo

Assembrati e senza protezioni: ecco il Ferragosto a Villa Papeete, la discoteca dell’eurodeputato della Lega amico di Salvini

next