E’ ancora in mare, al largo, la nave cargo giapponese MV Wakashio che si è arenata nella punta sudorientale delle Mauritius. Al momento sono più di mille le tonnellate di carburante che si sono disperse in mare, creando una spaventosa macchia nera che minaccia l’ambiente e la barriera corallina. La popolazione si sta dando da fare senza sosta, per poter contribuire ad arginare l’impatto ambientale: c’e’ chi raccoglie il carburante con secchielli e chi usa pompe, nonostante le indicazioni del governo di non intervenire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il crollo del ghiacciaio alpino è impressionante: la forza della natura immortalata nel video di un escursionista

next
Articolo Successivo

Alluvioni, una rete di sensori può fare la differenza

next