“Il peggiore della storia del Paese”. Così le autorità hanno definito l’incendio divampato sabato pomeriggio in un complesso di palazzi a Bohumin, nel nord-est della Repubblica Ceca, al confine con la Polonia. Undici le vittime, tra cui tre bambini. Sei persone sono morte tra le fiamme, altre cinque si sono gettate dall’undicesimo piano nel tentativo estremo di sfuggire al fuoco. Indaga la polizia: secondo quanto riferisce la Bbc, il governatore della regione Moravia-Slòesia, Ivo Vondrak, ha affermato che il fuoco è stato appiccato deliberatamente. Dieci feriti, fra cui due vigili del fuoco e due poliziotti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Usa: scuole come “cavie” nella gestione del Covid. È caos sulle regole e i prof non vogliono tornare in classe

next
Articolo Successivo

Afghanistan, autobomba contro stazione di polizia: 11 agenti morti. L’assemblea del Paese dà l’ok a liberazione di 400 prigionieri talebani

next