Come sta andando la prima stagione turistica post lockdown? Siamo andati sulla sponda piemontese del Lago Maggiore a parlarne con gli operatori del settore. “Il calo c’è, ma è inferiore a quel che temevamo”, dichiarano alcuni. Tra questi Felice Cavagnera, titolare insieme alla sua famiglia di due hotel e un ristorante a Cannero Riviera, nell’Alto Verbano. “Stanno venendo molti stranieri in meno, in compenso vediamo tanti italiani in più”, spiega Raffaele Santini, patron del ristorante Concordia di Intra. “Chi lavora con i turisti europei, che arrivano da noi in auto, ha contenuto i danni”, sottolinea Valerio Cattaneo, proprietario dell’Hotel Ghiffa. Soffre molto di più la crisi chi ospita in prevalenza turisti extraeuropei, come testimonia Antonio Zacchera, ceo di Zacchera Hotels: “Su cinque grandi strutture fra Stresa e Baveno, quest’anno ne abbiamo tenute chiuse tre”. “Mancano i gruppi organizzati, siamo a meno 50%”, conferma Sergio Marcolini, motoscafista che da Stresa porta i turisti a fare gite sul lago. In questa fase, è necessario ridurre i costi e inventarsi qualcosa di nuovo, spiegano tra gli altri Armando Ducale, del ristorante Magnolia di Cannero, e Pio Cusenza, del Lido di Baveno.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suicidarsi a 14 anni perché si hanno troppe atrocità sulle spalle

next