Incidente mortale nella notte a Napoli. Due ragazze, di 15 e 14 anni, stavano attraversando la strada in piazza Carlo III quando un’auto le ha investite. La 15enne ha perso la vita, mentre l’amica è stata ricoverata al all’ospedale Cardarelli con una frattura alla gamba destra e una prognosi di 30 giorni. Alla guida della vettura, una Smart a 4 posti, c’era un 21enne – indagato per omicidio stradale – a cui gli agenti del sezione Infortunistica Stradale della Polizia locale (coordinata dal capitano Antonio Muriano) hanno subito ritirato la patente.

Il ragazzo, che viaggiava in compagnia della fidanzata, al momento dell’impatto si è fermato per prestare soccorso e ha chiamato il 118. Sotto choc per l’accaduto, è stato poi accompagnato in ospedale per i prelievi ematici che riveleranno se ha bevuto alcol o se era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. I risultati dovrebbero essere pronti nei prossimi giorni. Secondo gli inquirenti la dinamica dell’incidente è chiara: dal momento che non sono stati rilevati segni di frenata, l’ipotesi è che il giovane stesse procedendo a velocità sostenuta e non abbia visto le due ragazzine attraversare la strada (non sulle strisce pedonali).

La 15enne è stata quindi presa in pieno dalla Smart e sbalzata a diversi metri di distanza dal luogo dell’impatto. Cadendo, ha battuto violentemente la testa sullo spartitraffico. È lì che è stata trovata, esanime, dai soccorritori e dalle forze dell’ordine. Avrebbe subito gravi danni già con il primo impatto, contro il cofano, e poi contro il parabrezza della vettura. Sia lei che l’amica 14enne abitavano a Calata Capodichino, non lontano dal luogo dell’incidente, avvenuto intorno all’una di notte. Secondo quanto si è appreso stavano tornando a casa. Gli investigatori hanno chiesto l’acquisizione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza per chiarire con certezza l’accaduto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Nonna è caduta, chiama l’ambulanza”. 80enne chiede alla nipote di avvisare i soccorsi, ma dopo tre giorni confessa: “L’ho strangolata io”

next
Articolo Successivo

Trovato il cadavere di Viviana Parisi, la mamma scomparsa con il figlio a Messina: identificata grazie alla fede nuziale. Proseguono le ricerche del piccolo Gioele

next