Una carriera nel giornalismo, tra politica e tecnologia, prima che il suo grande amore – il cinema – lo facesse approdare a Hollywood: Lorenzo Soria, presidente dei Golden Globe, è morto a Los Angeles a 68 anni.

Nato in Argentina (lì i genitori ebrei si rifugiarono durante il nazismo) Soria era cresciuto a Milano dove aveva studiato e iniziato a lavorare come giornalista per L’Espresso. Nel 1982 arriva a Los Angeles, nel 1989 entra nella Hollywood Foreign Press Association, l’associazione che ogni anno assegna i Golden Globes alle eccellenze del grande e piccolo schermo. Presidente prima nel 2003 e poi nel 2015, è stato eletto nuovamente nel 2019: il suo mandato sarebbe terminato il prossimo anno. La cerimonia ‘ambientalista’ di quest’anno, con il menù vegano e gli appelli per il clima di Leonardo di Caprio e Joaquin Phoenix, è merito suo, così come la scelta dell’irriverente comico Ricky Gervais per condurre la serata.

Nella sua carriera di giornalista ad Hollywood (ha continuato a firmare per la Stampa) ha potuto osservare da vicino il cambiamento dell’industria dei sogni, intervistando i protagonisti e lavorando nel Comitato della Foreign Press Association: un cambiamento di cui era stato testimone e protagonista allo stesso tempo.

La causa del decesso non è stata specificata: l’associazione, nel darne la notizia, ha parlato di “una morte serena nel proprio letto” e la lodato la “generosità, la passione e il senso dell’umorismo” del suo presidente scomparso. “Credeva profondamente nel potere che l’industria cinematografica ha di rendere il mondo un posto migliore, accendendo i riflettori sulle ingiustizie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Orto in casa e giardinaggio, attenzione a fertilizzanti e pesticidi: “Il Clorpirifos può danneggiare in modo irreversibile il ​​cervello dei bambini”

next
Articolo Successivo

Franca Valeri, sbaglia di grosso chi la definisce donna d’altri tempi. Era all’avanguadia, fra le prime coraggiosamente comica

next