Ha bucato le ruote di una macchina che si trovava davanti alla casa della moglie da cui si stava separando. Un gesto che è costato la vita a Lorenzo Borsani, 36enne di Mozzate, nel Comasco. È tutto avvenuto ieri intorno alle 18.30. Secondo quanto ricostruito dalla stampa locale l’uomo era andato a casa della donna mentre all’interno dell’abitazione si trovava un operaio di 49 anni che stava effettuando dei lavori di manutenzione. Borsani, verosimilmente per motivi di gelosia, ha quindi reciso con un coltello le ruote dell’automobile parcheggiata in strada, attirando le attenzioni dell’operaio. Accortosi del raid in corso è uscito in strada. Tra i due è scoppiata una lite e il 36enne è stato colpito al torace.

La dinamica dell’evento sono ancora al vaglio degli inquirenti, ma pare che il cinquantenne sia riuscito a sfilare il coltello dalle mani del marito della donna per poi ferirlo gravemente al petto. Trasportato con l’elicottero in codice rosso all’ospedale di Varese, il 36enne ha perso la vita. Le indagini sono affidate ai carabinieri della Compagnia di Cantù e della stazione di Mozzate, coordinati dal sostituto procuratore di Como Antonio Nalesso. Il 49enne è in stato di fermo e, secondo quanto scrive la stampa locale, avrebbe già confessato. Gli investigatori hanno eseguito i rilievi e ascoltato le testimonianze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rovigo, morto l’anziano padre ferito con un paio di forbici dal figlio

next
Articolo Successivo

“Nonna è caduta, chiama l’ambulanza”. 80enne chiede alla nipote di avvisare i soccorsi, ma dopo tre giorni confessa: “L’ho strangolata io”

next