218 milioni di dollari al botteghino, un Oscar, un Golden Globe e generazioni di ragazze che provano ricreare la celebra coreografia con il ‘salto’: Dirty Dancing torna al cinema con il suo terzo capitolo. E torna anche Jennifer Grey, l’attrice che ha interpretato Frances Houseman, meglio nota come Baby, la protagonista innamorata del suo insegnante di ballo.

La casa di produzione Lionsgate ha confermato quello che è stato definito “il segreto peggio custodito di Hollywood” tramite il ceo Jon Feltheimer. “Sarà il film romantico e nostalgico che i fan stavano aspettando”, ha detto in un’intervista a Deadline. Poi ha fornito alcuni dettagli sulla produzione: sarà diretto da Jonathan Levine, prodotto da Gillian Bohrer e la sceneggiatura sarà scritta a quattro mani da Mikki Daughtry e Tobias Iaconis.

Un sequel che sarà anche un omaggio a Patrick Swayze (Johnny Castle) prematuramente scomparso nel 2009. Jennifer Grey, oltre a essere nel cast, sarà anche produttrice esecutiva della pellicola.

Il film originale fu un successo straordinario, un vero e proprio cult degli anni 80: incassò 218 milioni di dollari di fronte di un investimento di 5 milioni. La canzone (I’ve had) The time of my life – cantato da Bill Medley e Jennifer Warnesvinse l’Oscar e il Golden Globe, oltre a rimanere nelle orecchie di tre generazioni, che provarono a ricreare i passi del coreografo Kenny Ortega. Nel 2004 arrivò il secondo capitolo, Dirty Dancing 2, la storia d’amore tra una ragazza americana e un ballerino ambientata a Cuba nel 1958, alla vigilia della rivoluzione castrista. E dopo tante, troppe estati di repliche in tv, finalmente i fan potranno vedere il nuovo capitolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tom Hanks nei panni di Geppetto? Trattative in corso per il nuovo film della Disney su Pinocchio

next