Dopo 30 anni, la verità. Lesa Lopez è stata accusata di essere l’assassina di suo figlio. I fatti risalgono al maggio del 1988, quando il bambino era appena nato. A trovare il corpo del piccolo furono due ragazzini che stavano giocando vicino al fiume Castro, California. Secondo le indagini del tempo, il neonato era stato strangolato subito dopo la nascita. Un bimbo solo al mondo, questo fu stabilito dall’inchiesta: genitori non trovati. Un bimbo al quale venne dato un nome, Joe Doe, e per il quale fu celebrato un funerale. Oggi il test del dna ha stabilito che è Lesa Lopez la madre del piccolo: l’arresto il 23 luglio. La donna è mamma e nonna: nel 1988 aveva 20 anni e secondo l’accusa avrebbe ucciso il bambino subito dopo la nascita per aver nascosto la gravidanza a casa. Il caso è stato riaperto un anno fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La mamma e la figlia che sembrano gemelle: “Una volta mio marito ha dato una pacca sul cu** a mia madre”

next
Articolo Successivo

Si sveglia dal coma dopo tre mesi e scopre di essere l’unico sopravvissuto della sua famiglia al Covid

next