Un bambino di 6 anni stava aiutando la nonna 62enne a fare alcuni lavori di giardinaggio nel retro della sua casa quando la donna, senza accorgersene, ha toccato un grosso nido di vespe scatenando la loro reazione. L’anziana ha fatto il possibile per scacciare gli insetti impazziti ma invano: il nipotino è morto per le centinaia di punture subite mentre lei si è salvata ma ha perso la vista. È quanto successo il pomeriggio del 21 luglio nel villaggio di Poun, in Cambogia, come riferiscono i media britannici:

A quanto emerso, la donna, Jen Oeun, stava tagliando dei rami quando ha accidentalmente toccato quel grosso nido di vespe che, “disturbate”, sono si sono alzate in volo. Entrambi, nonna e nipote, sono stati attaccati e le loro urla hanno attirato l’attenzione di alcuni vicini che, intervenuti sul posto, non hanno potuto purtroppo far nulla per salvare il bambino, Mon Kakada, morto pochi minuti dopo l’aggressione tra le braccia di sua nonna. La donna invece è stata portata in ospedale con ferite molto gravi e ha perso la vista.

Piango ogni volta che penso a quanto ha sofferto mio figlio – ha detto Ah Len, la madre del piccolo -. Non meritava di morire così. Se fossi stata lì a proteggerlo, sarebbe sopravvissuto”. Sam Vesna, della stazione di polizia del distretto di Koh Andet, ha spiegato che “abbiamo interrogato la nonna del ragazzo e lei ci ha raccontato cosa è successo. Ha detto che ha cercato di combattere contro gli insetti, ma è stata punta anche lei”. Si tratta della seconda morte di un bambino provocato da uno sciame di calabroni dall’inizio dell’anno: a gennaio un’altra bimba di sei anni era morta in circostanze simili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, agenti ammanettano una donna in spiaggia perché indossa un perizoma: “Ma non sono nuda”. Il video del fermo fa il giro del mondo

next
Articolo Successivo

C’è una mascherina nelle crocchette di pollo di McDonalds: bambina di 6 anni rischia di morire soffocata

next