I fondi pensione negoziali, cioè quelli riservati ai lavoratori di uno specifico settore e amministrati dai rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro, negli ultimi dieci anni hanno reso in media più del Tfr lasciato in azienda. E durante l’emergenza coronavirus hanno perso meno terreno rispetto ai fondi aperti, istituti da una compagnia di assicurazione o da una banca. E’ quello che risulta dall’ultima indagine della Covip, l’authority di settore, che ha presentato i dati aggiornati a fine giugno sull’andamento degli strumenti di previdenza complementare. Cioè quella con cui il lavoratore può costruirsi una pensione aggiuntiva che si somma a quella erogata dall’Inps o dalle casse previdenziali di categoria e che viene alimentata destinandovi il Trattamento di fine rapporto.

Nel secondo trimestre del 2020, con la ripresa dei mercati finanziari dai tonfi dei primi tre mesi, i risultati delle forme di previdenza complementare sono risaliti, pur continuando in media a rimanere negativi rispetto alla fine del 2019. Così nel corso dei primi sei mesi, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, i fondi negoziali hanno perso l’1,1 per cento mentre i fondi aperti e i Piani pensionistici individuali hanno perso rispettivamente il 2,3 e il 6,5 (+0,7% i Pip di ramo I). Il Tfr si è invece rivalutato di 0,6%.

Se si guarda però a un orizzonte di dieci anni (da inizio 2010 a fine 2019,) il rendimento medio annuo composto è stato pari al 3,6 per cento per i fondi negoziali, 3,8 per i fondi aperti e per i Pip di ramo III e 2,6 per cento per le gestioni di ramo I. Aggiungendo ai dieci anni gli ultimi sei mesi, i rendimenti medi annui composti scendono al 3,3 per cento per i fondi negoziali, al 3,4 per i fondi aperti e al 3 per i Pip di ramo III mentre restano pari al 2,5 per cento i prodotti di ramo I. Per entrambi i periodi, la rivalutazione del Tfr è risultata pari al 2 per cento annuo.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Disuguaglianza, l’economista che ha mostrato i vantaggi della globalizzazione per i ricchi aggiorna il suo grafico: “Con la crisi la crescita dei loro redditi si è fermata”. Ma altri esperti contestano i dati

next