I focolai nelle caserme e nelle strutture per i migranti in Veneto sono la “prova provata che questi immigrati ospitati in questo modo, anche senza titolo, devono tornarsene a casa“. Così in conferenza stampa il governatore della Regione Veneto Luca Zaia. “Se non avessimo questi due centri di accoglienza – ha aggiunto – non avremmo avuto focolai“. “Siamo riusciti anche nelle case di riposo, nel 75%, ad avere contagio zero pur con pazienti problematici – ha aggiunto Zaia – Questi ragazzi in perfetta forma fisica dovevano stare più attenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo sfogo di Calenda da Melendugno: “Ricordate le buffonate del M5s sul Tap? Ma qui la spiaggia non è stata deturpata”

next
Articolo Successivo

Trasporto pubblico, Zaia: “In attesa che a Roma finiscano di litigare, confermo l’ordinanza che permette la capienza massima dei mezzi”

next