Volano stracci a Buckingham Palace. Valletti reali da una parte e Guardie della Regina dall’altra, si sono sfidati a colpi di calci e pugni venerdì scorso fuori da un pub di Londra, a pochi passi proprio dalla residenza di Elisabetta II. Una maxi rissa in piena regola, che imbarazza non poco la già tormentata Royal Family. Una quindicina le persone coinvolte: secondo quanto ricostruito dai tabloid britannici, a scatenare la violenza sarebbero stati i pesanti apprezzamenti rivolti dai soldati nei confronti di alcune ragazze che solo poi si è scoperto essere cameriere e governanti al servizio di Sua Maestà.

Un testimone ha raccontato che tre guardie Coldstream, i famosi Lilywhites col colbacco di pelo d’orso e le giubbe rosse, ovviamente fuori servizio e in apparenza parecchio alticci, avrebbero cominciato a infastidire le ragazze. A quel punto sono intervenuti alcuni uomini, tutti maggiordomi, valletti e camerieri addetti a servire i pasti e ad aprire le porte del Palazzo. La situazione è presto degenerata tanto che i due gruppi sono venuti alle mani. I soldati, per l’occasione, hanno messo da parte il loro proverbiale aplomb e si sono scagliati contro i valletti contravvenendo, come ha spiegato il Daily Mail, in modo grave al loro dovere.

Le Guardie, preparate per respingere i pericoli, hanno avuto subito la meglio contro i maggiordomi che hanno dovuto ripiegare. Uno di loro, colpito a un occhio, è vivo per miracolo dal momento che stava per essere travolto da un bus che passava su quella strada, mentre 4 suoi colleghi hanno avuto bisogno di cure: due sono stati ricoverati, uno per una ferita alla lingua, un altro per alcuni colpi alla guancia e al naso, con conseguenti punti di sutura.

“Nessuno è in pericolo di vita, le loro condizioni non sono gravi”, ha fatto sapere un portavoce del ministero della Difesa. Una fonte, che ha chiesto di restare anonima, ha spiegato che la Regina, che è anche il Colonnello in Capo della Guardia, è stata informata di quanto accaduto e che la stessa sovrana ha inviato “gli auguri di pronta guarigione ai feriti”. Le tre Guardie, tutte appartenenti al corpo dei Coldstream, sono state invece subito identificate e ora stanno rispondendo alle domande della polizia. Un portavoce della Regina si è limitato a liquidare l’episodio come “una questione di ordine pubblico che riguarda la polizia e che non è appropriato per noi commentare“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, Luca Carboni rivela: “Quel giorno ero lì, avevo 18 anni. Fui investito da un vuoto d’aria”

next
Articolo Successivo

Patrizia Di Benedetto, la chef stellata arrestata in flagrante per “furto di luce”

next