Per la prima volta in nove anni il marchio di smartphone più venduto al mondo non è né AppleSamsung: Huawei diventa leader di mercato nel secondo trimestre del 2020. Il sorpasso è stato registrato da Canalys, società di analisi specializzata nel settore tecnologico. Nonostante le pesanti sanzioni Usa a suo carico, il gruppo di Shenzhen ha consegnato 55,8 milioni di dispositivi, a fronte dei 53,7 milioni di pezzi della rivale sudcoreana. A trainare le vendite è il mercato domestico cinese, in piena ripresa dopo lo stop causato dalla pandemia di coronavirus.

Nel confronto con aprile-giugno 2019, i dati di Canalys mostrano che Huawei ha segnato un calo del 5% delle consegne, mentre Samsung ha visto le proprie vendite abbassarsi addirittura del 30%. “È un risultato notevole che poche persone avrebbero potuto immaginare un anno fa – ha notato Ben Stanton, analista senior di Canalys – Se non fosse stato per il Covid-19, tutto questo non si sarebbe verificato. Huawei ha sfruttato appieno il vantaggio della ripresa economica cinese per riavviare il suo settore degli smartphone”.

Le vendite all’estero, infatti, sono crollate del 27% nel secondo trimestre, a fronte del rialzo dell’8% di quelle domestiche, confermando che la crescita è alimentata dalla posizione dominante sul mercato cinese. Tuttavia, la capacità di mantenere lo stesso passo in futuro è a rischio: le incertezze sulle sanzioni Usa colpiscono i vari settori di attività, dagli smatphone fino alle reti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

WhatsApp, stop alle notifiche moleste: in arrivo la disattivazione permanente

next
Articolo Successivo

Echo Plus, smart speaker con Alexa in offerta su Amazon a meno di 90 euro

next