Sessanta barche e circa 300 persone si sono posizionate martedì sera nel bacino dell’Arsenale di Venezia per l’inaugurazione di Barch-In, il primo cinema drive-in italiano sull’acqua, per la città che vive sulla laguna. Sullo schermo collocato a terra è stato proiettato il thriller drammatico del 2006 “The Prestige”, mentre la platea di barche ormeggiate, private, o a noleggio, si è distribuita a raggio sullo specchio della darsena. Lo spettacolo, gratuito e su prenotazione, è stato consentito a tutte le tipologie di barche fino a 11 metri, e non è consentito l’accesso ai pedoni. Cinque le serate con cinque diversi film da martedì al 1 agosto. Barch-In è stato ideato dal collettivo cinema Barch-In, prodotto da FEMS du Cinéma, associazione organizzatrice dell’evento, e Vela, in collaborazione con Campari, Università Ca’ Foscari, Quarta Parete, Unione degli Universitari, Cineclub Venezia e un’latra nutrita serie di enti e associazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Usa: “Consigliere per la Sicurezza positivo al Covid-19”. È stretto collaboratore di Trump

next
Articolo Successivo

Lutto per il collega Marco Scafati, l’abbraccio di tutto ilfattoquotidiano.it

next