Flash mob in piazza San Silvestro a Roma contro il rifinanziamento della missione libica da parte dell’Italia. “La riconferma dei finanziamenti italiani ci ha sconcertati” ha detto l’esponente dei Radicali Riccardo Magi, uno degli organizzatori della manifestazione. Il senatore Luigi Manconi ha aggiunto: “La Guardia costiera libica è un corpo paramilitare e paracriminale che fa parte della complessiva organizzazione di trafficanti di esseri umani che gestiscono i fluissi di migranti nel Mediterraneo”. Presente anche l’attore Ascanio Celestini, mentre Riccardo Noury di Amnesty International ha aggiunto: “Rinnoviamo l’appello a sospendere la collaborazione con la Libia che ci rende complici di gravi crimini nei confronti di migliaia di persone”. In piazza erano presenti anche Fulvia Conte, soccorritrice di Mediterranea, Alberto Mallardo di Seawatch, il deputato del Pd Matteo Orfini ed Emma Bonino

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fine vita, Cappato dopo l’assoluzione per il caso di Davide Trentini: “Precedente importante, ora spetta al Parlamento fare una legge”

next