È stata individuata e fermata la baby gang che seminava il panico con furti e rapine nella movida di Trastevere, a Roma. Si tratta di tre giovani, tra cui una ragazza, a carico dei quali i carabinieri della stazione di Trastevere hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del collocamento in comunità, emessa dal gip del Tribunale per i minorenni della Capitale su richiesta della locale Procura dei minorenni. Dovranno rispondere di furto con strappo, tentata rapina aggravata e rapina aggravata in concorso.

A quanto ricostruito dagli investigatori i 3 minorenni romani, residenti in città e nell’hinterland, nel mese di giugno si sono resi responsabili di due rapine, una tentata e un furto nei confronti di altri ragazzi, tra cui alcuni minorenni, tutte a Trastevere. I carabinieri, attraverso testimonianze, analisi degli impianti di videosorveglianza del quartiere e dei tabulati di traffico telefonico e telematico degli indagati, hanno accertato quattro episodi riconducibili ai tre ragazzi in cui sono stati rubati cellulari, borse con dentro documenti e denaro contante per circa duemila euro. I tre studenti, due dei quali con precedenti specifici, sono stati collocati in comunità.

Gli indagati, due dei quali vantano precedenti specifici per reati contro il patrimonio, risultano studenti e frequentatori di istituti di istruzione secondaria. Espletate le formalità di rito, i destinatari del provvedimento cautelare sono stati collocati presso le comunità designate, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Armi, “serve banca dati comune sullo stato psicologico di chi le possiede”: ma il disegno di legge è bloccato in commissione da un anno

next
Articolo Successivo

Milano, la violenza sessuale al Parco Monte Stella: fermato il presunto stupratore grazie ad analisi del Dna. Il pm: “Indizi granitici”

next