“L’Italia è la maggiore beneficiaria” dei fondi Ue, “ma a giusto titolo”. Il giorno dopo lo storico accordo sul Recovery fund, anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, intervista dai microfoni del Tg1, è intervenuta per parlare della soddisfazione sull’intesa raggiunta. “Abbiamo sofferto con l’Italia e pianto i suoi morti durante la difficile crisi del Covid”, ha ribadito. E, quando agli interventi su cui lavorerà l’Italia, che lo stesso presidente della Repubblica ha chiesto che siano “concreti ed efficienti”, ha osservato: “So che il premier Conte sta già lavorando ai piani di riforma, me lo ha detto lui stesso, chi meglio di voi può sapere di che cosa ha bisogno l’Italia sempre in linea con le priorità comunitarie che tutti condividiamo: alludo alla lotta contro i cambiamenti climatici e ai progressi nel capo della digitalizzazione”.

In generale, Von der Leyen si è detta soddisfatta per la risposta arrivata da Bruxelles alla crisi economica dovuta alla pandemia: “L’Europa ha dato un segnale molto forte di speranza e di solidarietà, i leader degli Stati membri hanno capito che solo lavorando insieme e raccogliendo fondi sul mercato e rafforzando l’economia possiamo uscire più forti di quando siamo siamo entrati in questa crisi. Sì è davvero un momento speciale e non ho paura a definirlo storico”.

Per quanto riguarda i tempi di elargizione dei fondi ha aggiunto: “Stiamo andando a tutta velocità, lavoriamo sodo perché il Recovery fund entro la fine dell’anno sia a disposizione dei suoi destinatari, ma lasciatemi dire che già ora ci sono sul mercato 4mila miliardi a disposizione degli Stati membri per finanziare le misure straordinarie anti-crisi, come la cassa integrazione”. Infine l’ultimo punto, ha precisato Von der Leyen: “I governi sanno che spendere in investimenti in questo momento può fin d’ora essere contabilizzato nel prossimo Recovery fund, purché compatibili con il green deal”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, il Parlamento europeo vota la risoluzione di maggioranza: “soddisfazione per l’accordo ma alcuni punti da discutere”

next
Articolo Successivo

Parlamento Ue approva risoluzione su Recovery fund: “Mossa storica, ma inaccettabili i tagli al bilancio”. Centrodestra si spacca: Fi a favore, Lega-Fdi si astengono. M5s: “Per loro vengono prima i sovranisti”

next