Puntavano fabbriche per svaligiarle e rivendere il bottino usando la tecnica della”‘spaccata”, tra le province di Monza e Brianza e Milano, non esitando a scaricare merce in corsa dai furgoni, lungo tangenziali e autostrade, per colpire le auto dei carabinieri che li inseguivano. Questo il modus operandi di una banda di sei cittadini bosniaci arrestati questa mattina dai carabinieri del Comando provinciale di Monza Brianza, con il supporto del Nucleo elicotteri di Bergamo, per concorso in furti aggravati ad aziende e resistenza a pubblico ufficiale. Quattro i colpi commessi dalla banda dal primo luglio ad oggi in Brianza a Nova Milanese, Seveso e Cesano Maderno. Inseguiti per 20 chilometri da carabinieri e Polizia stradale, dopo l’ultimo furto, erano riusciti a dileguarsi nel campo rom di via Bonfadini a Milano, ma a grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza delle ditte sono stati identificati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Nubifragio a Palermo, le operazione dei vigili del fuoco per prosciugare il sottopasso allagato

next