Strade come torrenti e sottopassi allagati a Palermo, dopo che un nubifragio si è abbattuto in città. Alcune auto sono rimaste intrappolate nel sottopasso di viale della Regione a Palermo. Alcune persone si sono messe in salvo a nuoto. Anche due bambini sono rimasti intrappolati in auto, insieme ai loro genitori, nello stesso sottopasso. I piccoli, di cui uno di 9 mesi, sono stati ricoverati in ospedale per ipotermia. Le forze dell’ordine hanno prelevato coperte e teli termici dagli ospedali per le persone soccorse in strada. Un testimone ha riferito la presenza di due persone intrappolate in un sottopasso della circonvallazione che si è allagato dopo le piogge di ieri, ma al momento agli organi di polizia non risulta alcuna denuncia di scomparsa.

Il maltempo ha colpito una vasta zona della Sicilia. Nel capoluogo la situazione più drammatica con allagamenti e strade trasformati in fiumi. Sono diversi gli automobilisti salvati da poliziotti e vigili del fuoco. Sui social sono stati pubblicati decine di video di persone che nuotano nelle strade totalmente allagate.

Secondo il sindaco, Leoluca Orlando, si tratta della più violenta bomba d’acqua nella storia di Palermo almeno dal 1790. “Pari a quella che cade in un anno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, i parenti delle 43 vittime sull’accordo con Autostrade: “Un buon inizio l’estromissione dell’azionista di maggioranza”

next
Articolo Successivo

Nubifragio a Palermo, due bambini ricoverati in ipotermia e persone che nuotano in strada. Un testimone: “Due vittime”

next