Il suo vero nome è Emerenziana. E per raccontarlo Tiziana Panella, intervista da Il Giornale, ha usato un aneddoto molto curioso che riguarda i suoi inizi a La7: “Ci sono arrivata grazie a una chiamata di Gad Lerner, con cui poi ho lavorato pochissimo. La prima volta che ho incontrato Mentana mi ha domandato: “Perché ti presenti come Tiziana, se ti chiami Emerenziana?”. Insomma, al direttore del tgLa7 non sfugge nulla: “Come facesse a saperlo, non lo so. Ha una memoria fenomenale. È stato l’altro mio grande maestro, un maestro anche duro e complicato, ma io diffido delle persone all’apparenza carine e gentili, ma che poi non ti insegnano nulla…”, ha concluso la conduttrice di Tagadà.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bruno Vespa: “Ecco la donna che ha turbato i miei sogni da ragazzo”

next
Articolo Successivo

“Ho preso un farmaco contro la caduta dei capelli e sono diventato impotente”: la denuncia di un 35enne finisce in Procura

next