La Siberia è in fiamme, di nuovo. Negli ultimi giorni sono divampati circa 300 incendi e sono stati impiegati decine di forestali per poterli contenere utilizzando diversi metodi. Il clima mite e caldo che attraversa ampie zone della Siberia da gennaio, in aggiunta alla bassa umidità del suolo, ha contribuito a una ripresa degli incendi che avevano già devastato la regione l’estate scorsa. Sia il numero che l’intensità degli in Siberia e in alcune parti dell’Alaska hanno provocato le più alte emissioni di carbonio del mese di giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mentre Isis colpiva a Nizza io ero in Siria coi combattenti curdi: quel ‘noi’ che trascende le frontiere

next
Articolo Successivo

“Tassateci, l’umanità è più importante dei nostri soldi”: l’appello di 173 milionari ai governi per uscire dalla crisi da Covid-19

next