Le autorità olandesi hanno scoperto delle presunte stanze di tortura nascoste all’interno di container trasformati in celle, situati al confine tra Olanda e Belgio, al servizio di una rete criminale internazionale dedita a rapimenti, riciclaggio e vari traffici illeciti. Sei persone sono state sottoposte a custodia, nell’ambito di una inchiesta condotta da tempo dalla polizia britannica e dall’Europol e che ha già portato a centinaia di arresti. Lo riferisce la Cnn. Come si vede nel video della polizia locale, i container erano rivestiti con materiale fonoassorbente, muniti di telecamere e in ogni stanza erano presenti vari strumenti di tortura, tra cui una sedia da dentista munita di cinghie, manette, bisturi e cesoie. L’indagine ha preso le mosse dopo che la polizia è riuscita a penetrare in una chat crittografata chiamata EncroChat, riuscendo a intercettare i piani della rete criminale.

Nel corso delle indagini è stata perquisita una casa di Rotterdam che si ritiene possa essere la base dell’organizzazione, dove sono stati trovati, fra l’altro, 24 chili di MDMA, tre furgoni rubati, due BMW, sette pistole e una variante cinese dell’AK-47. “In totale, sono state trovate 25 armi”, ha affermato la procura olandese, che ritiene di avere sventato sul nascere una serie di rapimenti. EncroChat – riporta la Cnn citando la National Crime Agency (NCA) del Regno Unito – offriva un servizio di messaggistica istantanea per telefoni cellulari, un mercato criminale utilizzato da 60mila persone in tutto il mondo per coordinare la distribuzione di beni illeciti, riciclaggio di denaro e pianificare omicidi. Sulla base delle informazioni carpite dalle intercettazioni, la polizia britannica ed europea ha già arrestato centinaia di persone. Sequestrate anche 27 tonnellate di farmaci tra Regno Unito e Paesi Bassi.

Video Youtube/Politie Landelijke Eenheid

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolsonaro ha il Covid-19. Una tragedia? No, uno spot pubblicitario

next
Articolo Successivo

Oxfam, il nuovo rapporto: “Dopo la pandemia 270 milioni di persone potrebbero soffrire la fame: più vittime di quelle provocate dal virus”

next