Ci mancava solo la scena con il tampone super veloce in diretta. Luca Zaia ha riconvocato la conferenza stampa che aveva tenuto nella sede della Protezione Civile a Mestre per 130 giorni consecutivi. Ha chiamato accanto a sé il dottor Roberto Rigoli, direttore dei laboratori di Microbiologia del Veneto. Poi ha spiegato che esiste un test rapido (del costo di 12 euro) per verificare la positività al Covid-19. Un po’ come avviene con i test di gravidanza. Ha chiesto a un giornalista di prestarsi all’esperimento. Il volontario, Rick Cesarano dell’Agenzia Ansa, si è seduto al posto di Zaia, ha aperto la bocca e il dottor Rigoli ha effettuato un prelievo di mucose. Poi ha miscelato il compione in un liquido, quindi ne ha versate alcune gocce su una tavoletta. A quel punto ha cominciato a spiegare come funziona la reazione. Mentre il dottor Rigoli parlava, il governatore del Veneto sbirciava l’esito. Dopo mezzo minuto ha alzato il pollice della mano verso l’alto, guardando il giornalista. Tutto bene, non è positivo

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calo demografico, Istat: “Nascite al minimo storico dall’unità d’Italia. Meno arrivi degli stranieri (-8,6%) e più emigrazione (8,1%)”

next
Articolo Successivo

Zaia: “Il coronavirus non ha più il mitragliatore ma è un ottimo cecchino: i proiettili dall’estero peggiori di quelli locali”

next