Valeria Marini è Valeria Marini. Nel senso che la showgirl è diventata ormai il suo personaggio, in una simbiosi che non conosce tregua, inarrestabile e travolgente a colpi di ‘baci stellari’. Stavolta Valeria ha deciso di cimentarsi in un tormentone estivo: chissà che avrebbe detto Labranca del trash che emula un modello già basso (e non “alto”, come diceva lui). Non possiamo saperlo. Quel che è certo è che Valeria per ora non sta scalando le classifiche ma i nostri cuori. Il video è ipnotico: ‘copia parodia’ di tanti videoclip visti i passato per la promo di brani estivi, Valeria è strizzata in un super abito dorato e balla davanti ad alcuni camion. Già. Riesce per altro nella favolosa impresa di avere qualche imprecisione sonora in playblack. Baci stellari, boom yeah, sono una cica loca con le stelle in bocca, il mare che mi tocca la libertà, c’è una luna rossa senti la scossa, facciamo boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom. E muovo il boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, come prima più di prima, sono bonita come la vita, il sole che ci invita alla libertà, uniti più di prima ma il mondo gira, facciamo boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, e muovo il boom, il boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, come prima più di prima. E muovo il boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom, boom boom boom boom boom. Questo il testo del brano. Ah certo, il titolo. Boom.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini torna al Papeete con famiglia e amici, ma senza bagno di folla: “Non è vero che la gente mi ha voltato le spalle, è tutto sotto tono”

next