Per fare un caso ci vuole fiore. Un fiore viola, per essere precisi. Perché le viole sono finite al centro del gossip dell’estate sul presunto triangolo formato da Stefano De Martino, Alessia Marcuzzi e Belen Rodriguez, con la conduttrice de Le Iene nel ruolo della causa, o una delle cause, della rottura del matrimonio tra il ballerino e la showgirl. I tre protagonisti del gossip, rivelato da Dagospia, hanno smentito seppur con modi e tempi diversi ma una stories pubblicata su Instragram nelle scorse ore dalla showgirl argentina non è di certo passata inosservata.

La conduttrice di Tu si que vales posta delle viole prima di godersi la colazione, il caso non c’entra nulla perché per renderla più visibile prima mette online le viole in una foto e poi appaiono nuovamente in un video. Poche ore prima della sua smentita, arrivata solo dopo cinque giorni dalla pubblicazione della notizia, aveva iniziato a girare sui social uno strano sospetto nato da due scatti pubblicati dalla Marcuzzi e da De Martino. Il conduttore di Made in Sud il 18 maggio sempre su Instagram si mostrava in una serie di foto con diversi fiori nel taschino della giacca, il primo un fiore color viola: “Ciao”, la didascalia.

Il 10 giugno la Marcuzzi condivide la foto di un mazzolino di fiori viola, su Twitter in molti notano le similitudini, i due fiori presentono gli stessi difetti in particolare un buco. “Dicono che in natura nulla possa essere davvero la copia di qualcos’altro, però, chissà“, scrive una ragazza su Twitter nel mostrare un confronto tra i due fiori. Una frecciatina di Belen verso l’ex De Martino? L’argentina è apparsa su Chi in compagnia dell’imprenditore Gianmaria Antinolfi, il ballerino è impegnato a Napoli con Made in Sud mentre la Marcuzzi si rilassa a Positano mostrandosi sui social con il marito Paolo Calabresi Marconi. Ci sono le smentite e i nuovi amori ma la soap dell’estate continua.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Glee, Lea Michele insultata per il suo silenzio su Naya Rivera: “Vorremmo fossi al posto suo”

next
Articolo Successivo

Maradona contro Paolo Sorrentino: “Non usi il mio nome per il suo film”

next