“Mai amata la disco music” confessa, in un’intervista a La Stampa, Amanda Lear. “Lo so, ancora oggi la fanno tutti, ma per me è finita. Preferisco canzoni d’amore, melodiche. Voglio far sognare, piangere, innamorare” racconta la cantante, che svela anche qualche anticipazione dei suoi prossimi lavori.

“Quarant’anni fa il mio produttore tedesco mi diceva: canta alla Marlene, devi essere la Dietrich della discomusic” racconta l’artista. “Mi spingeva verso una voce artificiale, sempre più bassa, che ha fatto il mio successo. Mi faceva fumare e si registrava alle quattro di notte e lui era contento. Oggi è diverso”, spiega la Lear, che racconta anche di una quarantena passata da sola a dipingere e a occuparsi dei suoi gatti.

Una quarantena che, però, ha bloccato i lavori del suo prossimo album il diciottesimo della sua carriera: “Ci stavo lavorando, ma il lockdown ha bloccato tutto. Ho registrato già tre brani: uno di Ritz Ortolani, era stato completamente dimenticato. Ritornerò negli studi a settembre” conclude. Ma sembra che nei progetti dell’artista non sia più la musica a farla da padrone: “In realtà non volevo più cantare, ormai mi piace troppo recitare, da una decina d’anni a teatro in tutta la Francia. Ma ho ancora tanti fans che aspettano da me un album”. Intanto, però, è in uscita un nuovo film, intitolato ‘Si muore solo da vivi’, di Alberto Rizzi. “Un bel film in cui credo molto”, dice la Lear, che nell’opera interpreta Giusi, “una che se la tira un po’, ma non è antipatica”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ultimo pubblica uno scatto insieme alla mamma e fa il pieno di like tra i suoi fan

next
Articolo Successivo

Il figlio di Beckham si sposa: l’annuncio di Brooklyn e Nicola Peltz: “Sarò il marito migliore”. La reazione di mamma Victoria

next