Sorteggio sfortunato per almeno due italiane ai quarti di Champions league. Fase per la quale al momento si è qualificata solo l’Atalanta: Juventus e Napoli devono ancora giocare il ritorno degli ottavi di finale. Ed è forse proprio la squadra di Gianpiero Gasperini la più fortunata dell’urna di Nyon: gli orobici infatti hanno pescato il Psg. Che ha sì buttato fuori il Borussia Dortmund dagli ottavi (l’Atalanta invece ha eliminato il Valencia), ma ha giocato l’ultima partita a marzo. Ad agosto, quando si giocheranno le final eight, i francesi verranno da cinque mesi di inattività, mentre l’undici di Gomez e Ilicic avrà appena finito di giocare la Serie A.

Più sfortunato il sorteggio per la Juventus. I bianconeri di Maurizio Sarri troveranno la vincente di Real Madrid-Manchester City (finita 1-2 all’andata). Ma la Juve deve prima eliminare il Lione: e dovrà essere una rimonta, dopo l’1-0 dei francesi all’andata. La gara di ritorno si giocherà il 7 agosto a Torino. Per lo stesso giorno è previsto in Spagna Barcellona-Napoli, dopo l’1 a 1 del San Paolo. Se riusciranno ad eliminare Leo Messi e compagni, gli uomini di Gennaro Gattuso troveranno la vincente di Chelsea-Bayern Monaco (0-3 all’andata).

L’altro quarto, sulla carta quello più facile, sarà Lipsia – Atletico Madrid, entrambe già qualificate. Con le gare sospese per l’emergenza Covid, al momento sono infatti 4 le squadre sicure di giocare le Final Eight che si terranno a Lisbona dal 12 al 23 agosto. Le 7 partite in programma si disputeranno nello Stadio da Luz e nello Stadio José Alvalade entrambi situati nella Capitale portoghese. Le partite della Final Eight saranno tutte ad eliminazione diretta.

Per quanto riguarda le coppe minori, l’Inter troverà la vincente del confronto tra Glasgow Rangers o Bayer Leverkusen nei quarti di Europa league. I tedeschi si sono imposti 3-1 nella gara d’andata. L’undici di Antonio Conte, però, dovrà prima eliminare il Getafe. La Roma, invece, se batterà il Siviglia ai quarti troverà la vincente di Olympiakos-Wolverhampton.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ecco gli ‘esodati del pallone’: a obiettivo raggiunto (o fallito) le società smobilitano. Ma è colpa di Fifa e Federazioni

next
Articolo Successivo

Il Manchester City parteciperà alla prossima Champions League: il Tas annulla la squalifica per violazione del fair play finanziario

next