Sono immagini forti quelle che documentano l’ennesimo episodio di violenza gratuita ai danni di un animale indifeso. È successo in una spiaggia di Aktau, cittadina del Kazakistan che si affaccia sulla sponda orientale del Mar Caspio: un cucciolo di foca, incuriosito dalla folla di bagnanti, si è avvicinato a riva ma quando uno dei presenti si è accorto di lui ha iniziato a lanciargli contro dei sassi. Gli altri bagnanti, anziché fermarlo, hanno iniziato a fare lo stesso, colpendo il povero animale assolutamente innocuo. Solo per un miracolo la piccola foca non è rimasta uccisa dalla sassaiola. La scena è stata immortalata in un video pubblicato sui social dalla modella kazaka Yevgeniya Mukasheva, che ha condannato l’accaduto. Subito le immagini hanno fatto il giro del mondo e le autorità locali sono ora alla ricerca dei responsabili di tale crudeltà.

Visualizza questo post su Instagram

Я ХЕРЕЮ ПРОСТО!!! ⠀ Неужели у людей полное отсутствие мозгов??? ⠀ Если животное подошло к вам так близко, значит оно доверяет!!! Как можно смотреть, как толпа закидывает беззащитное животное камнями, которое ничего вам не сделало и ржать??? ⠀ Я не знаю как нужно воспитывать детей в семье, чтобы для них это было НОРМАЛЬНЫМ! ⠀ Когда же мы уже поймём, что нужно ценить и беречь каждое существо на планете? Какой ещё болячкой нас нужно ударить, чтобы понять, что милосердие и сострадание должны быть во главе?

Un post condiviso da ⠀ ⠀ ⠀ ⠀ ⠀ ⠀???????????????????????????????????? ???????????????????????????????????? (@pe4enyushkaaa) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fidanzati uccisi e fatti a pezzi, i cadaveri nascosti dentro trolley ritrovati tra gli scogli: “Qualcuno sa qualcosa ma non parla”

next
Articolo Successivo

L’allarme della Cina: “In Kazakistan una nuova misteriosa polmonite, più letale del coronavirus”

next