Oltre duemila ragazzi, tra i 18 e i 22 anni, tutti senza mascherina, assembrati, per partecipare alla serata con Andrea Damante in consolle. È quanto successo in una discoteca di Alba Adriatica che, dopo che sui social sono stati pubblicati alcuni scatti dell’evento ed è scoppiata la polemica, è stata costretta a chiudere, come riferisce Il Centro.

È stato lo stesso Damante a pubblicare alcuni scatti su Instagram, innescando le polemiche: nelle immagini lo si vede sorridente mentre è intento a fare il dj. Di fronte a una folla di giovanissimi che non rispettano le norme di sicurezza anti-Covid né il distanziamento. “Queste foto sono uno schiaffo in faccia ai ristoratori che lavorano con la metà dei coperti per rispettare la legge”, ha commentato un utente, ma in molti hanno puntato il dito contro Damante, gli organizzatori dell’evento e i gestori del locale, accusandoli di negligenza. Tanto che le foto sono state poi rimosse dai social e il locale è rimasto chiuso per cinque giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Calenda e Fedez contro il condacons. L’ex ministro posta un video, il cantante lo rilancia: “Quindi sembrerebbe che paghi le mazzette…”

next
Articolo Successivo

Artisti alla deriva: tra sfondoni e uscite bizzarre, gli scivoloni più insidiosi dell’estate. E gli uffici stampa?

next